Rassegna Stampa da:

SOLO LO STUPORE CONOSCE

Rapporto scienza e regione nell'esperienza di un astrofisico

 

Uno sguardo vertiginoso indietro di circa 14 miliardi di anni luce verso l’origine dell’universo – questo è stato uno dei momenti più affascinanti dell’incontro con il professor Marco Bersanelli, astrofisico dell’Università Statale di Milano, a Palazzo Verbania, gremito nonostante la pioggia. Grazie alle immagini proiettate è stato possibile addentrarsi nel mistero dell’universo e delle sue origini, osservando stelle e galassie ed ascoltando scoperte scientifiche che evocano curiosità e meraviglia. L’incontro promosso dal Centro Culturale San Carlo Borromeo, al suo secondo anno di attività, è stato il primo di una serie dedicata al tema della “ragione” nei diversi ambiti della vita umana.  Marco Bersanelli ha accompagnato il pubblico in un percorso a tappe, seguendo i passi dello scienziato nel suo cammino di ricerca: dallo stupore davanti alla realtà, in questo caso del cielo stellato, come origine e motivo continuo della spesso faticosa indagine conoscitiva dell’uomo, attraverso l’osservazione sistematica e senza pregiudizio, fino alla scoperta e al riconoscimento di qualcosa di “dato”.

«La più bella e profonda emozione che possiamo provare è il senso del Mistero. Sta qui il senso di ogni arte, di ogni vera scienza».  La razionalità scientifica secondo Bersanelli non preclude, ma presuppone e rafforza l’apertura della ragione alla realtà e al suo significato profondo.

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom